Vai al contenuto

helicobacter dieta

Produce condizioni acide che consentono all’Helicobacter Pylori di colonizzare la mucosa gastrica, nonostante le sue caratteristiche gram-negative e il pH della mucosa sia acido.

Possiamo eliminare possibili contaminanti alimentari, come i batteri patogeni, attraverso la produzione di acido cloridrico attraverso alcune cellule chiamate cellule parietali (o ossintiche) del nostro stomaco, che svolgono un ruolo nel mantenerci al sicuro.

Forte. Helicobacter Pylori, al contrario, non solo sopravvive in condizioni estremamente acide, ma crea un microambiente in cui può prosperare e colonizzare in modo simile alla mucosa gastrica.

Nonostante la sua forma a spirale e la presenza di flagelli (tipici dei batteri), l’Helicobacter Pylori non attraversa le superfici dell’esofago e dello stomaco, rendendolo il principale responsabile di gastriti e ulcere (gastriche e duodenali). Questo approccio penetra in profondità nello strato più viscoso, meno mobile e più profondo del muco dello stomaco.

Inoltre, H.P. Provoca infiammazione cronica producendo composti che attivano i mediatori dell’infiammazione. Tutti questi fattori possono causare la degenerazione dell’epitelio e l’aumento della secrezione acida.

Il sintomo più comune di un’ulcera è il dolore o il bruciore nella parte superiore dello stomaco. Inoltre, con le ulcere duodenali possono verificarsi difficoltà digestive, nausea e reflusso gastroesofageo.

Coloro che soffrono di Helicobacter Pylori dovrebbero essere trattati con antibiotici e inibitori della pompa. Soffro di gastrite cronica da quando ero bambino. La gastrite cronica può essere causata da questa condizione, quindi il trattamento è importante. Se non trattato o trascurato, può svilupparsi anche il cancro allo stomaco.

Oltre alla terapia nutrizionale, quali altri tipi di trattamenti sono disponibili?

È importante che la terapia nutrizionale si concentri sull’evitare gli alimenti che causano la pressione dello stomaco, con conseguente reflusso gastrico.

Caffeina, vino, bibite, alcol e cibi fritti dovrebbero essere evitati, così come cibi molto dolci, prodotti in scatola, salsicce e cibi affumicati. Anche un pasto singolo o abbondante non dovrebbe essere consumato per prevenire ulteriori infiammazioni delle mucose. È spesso utile separare i pasti in più pasti piuttosto che mangiare frequentemente in queste circostanze.

Si consiglia di consumare cibi alcalinizzanti come frutta e verdura che possono contrastare l’ipersecrezione di acido, oltre a verdure come patate e legumi. Sono d’accordo che gli acidi grassi polinsaturi omega 3 e omega 6 sono benefici per le mucose dello stomaco, in particolare, poiché sono precursori delle prostaglandine che regolano l’infiammazione.

Si raccomandano anche integratori di vitamina C e zinco in quanto aiutano a riparare gli epiteli danneggiati e supportano il sistema immunitario del corpo. Inoltre, è importante consumare più fibre, poiché l’assunzione di antiacidi può causare stitichezza nei pazienti.

Se vuoi prevenire la diarrea, prenditi il ​​​​tuo tempo masticando. Abbiamo visto che quando soffriamo di un’ulcera, il nostro stomaco non riesce a digerire correttamente il cibo, quindi finiamo per mangiare del cibo molto grossolano. Per prevenire il reflusso acido, dovresti anche masticare molto lentamente. Quindi, per facilitare la pre-digestione, bisogna masticare lentamente e profondamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.