Vai al contenuto

dieta senza cereali

Nel Paleolitico l’uomo utilizzava animali cacciati, frutti e bacche selvatiche e ortaggi che crescevano spontaneamente sulla terra. Insetti e crostacei, noci e radici, ma anche crostacei e altri frutti di mare.

Inoltre venivano spesso consumate le interiora degli animali, cosa poco comune nelle cucine moderne o anche la carne cruda degli animali da caccia che spesso si mangiava.

Coloro che seguono una dieta Paleo integrano la loro dieta tradizionale con l’aiuto degli adattamenti necessari, preferendo cibo magro, pesce e verdure come facevano i loro antenati. Le diete paleo, tuttavia, includono i carboidrati.

Le uniche fonti di carboidrati, invece, sono la verdura e la frutta, entrambe rigorosamente di stagione, esclusi i cereali ei loro derivati. È vero, però, che l’uomo oggi ha diverse opzioni per il consumo di frutta rispetto a quelle che aveva in passato.

Rispetto alle loro controparti selvatiche, i frutti coltivati ​​di oggi sono più grandi, più dolci e contengono significativamente meno fibre, afferma Cordian.

Inoltre, anche se fornisce una varietà di minerali e vitamine essenziali per l’uomo, il suo contenuto di zucchero è forse la preoccupazione più importante: pertanto, alcuni frutti dolci e ricchi di fruttosio non sono raccomandati, come uva, banane, mango e ciliegie. .

Le persone che soffrono di insulino-resistenza possono consumare mele, ananas, pere, kiwi e così via.

Tuttavia, una dieta paleo correttamente implementata sembrerebbe influenzare positivamente i livelli di glucosio nel sangue, prevenendo il diabete di tipo 2 e garantendo che i soggetti predisposti non abbiano complicazioni cardiovascolari avverse. A questo proposito, va ricordato anche uno studio apparso su Cardiovascular Diabetology nel 2009.

Argomenti contro la Paleodieta
Paleo è diventato piuttosto popolare, tuttavia non tutti sono d’accordo sul fatto che si tratti di una dieta sana o che i suoi consigli dietetici siano efficaci. I paleo-sostenitori, ad esempio, sono molto critici nei confronti delle diete vegetariane, che si basano su principi di base diametralmente opposti ai principi del vegetarianismo.

Chi sostiene che Paleo promuova una dieta iperproteica con i suoi risvolti negativi è da un lato chi accusa Paleo di essere sbilanciato. Diversi studiosi giustificheranno la loro opposizione a una dieta che promuove il consumo di carne sostenendo che la carne può causare diverse malattie, tra cui l’ipercolesterolemia e il cancro.

La comunità scientifica ha sostenuto da diversi anni una riduzione del consumo di carne. Nella dieta Paleo le proteine ​​possono essere ottenute solo dalla carne perché i legumi, che forniscono molti nutrienti, non sono ammessi. Sebbene la carne oggi provenga da allevamenti di animali, va notato che gli antenati ottenevano la maggior parte della loro carne attraverso la caccia alla selvaggina.

Poiché gli animali sono stati nutriti in modi diversi per secoli: non ci sono oggi fonti di cibo disponibili paragonabili alle loro controparti paleolitiche. Alcune persone sostengono che quindi diventa impossibile seguire la Paleo Diet.

Legumi, cereali e latticini. Ha senso?
I sostenitori del paleo credono che i cereali sarebbero dannosi poiché possono causare malattie autoimmuni e aumentare l’infiammazione nel corpo. Inoltre, negli ultimi diecimila anni c’è stato un cambiamento nella proporzione di grassi saturi rispetto ai grassi insaturi, così come i grassi in generale.

Mentre l’enfasi di Paleo sui grassi è maggiore, il tipo di grassi che vengono consumati rende la dieta distinta dalle diete tradizionali. Le diete moderne contengono più grassi saturi non nelle diete dei nostri antenati, ma nei latticini e derivati, insieme a carni grasse che non avrebbero mangiato.

In tal caso, cosa dovremmo consumare come fonte di calcio per le nostre ossa per mantenere la salute se i latticini non vengono più consumati? Loren Cordian, un sostenitore della dieta Paleo, afferma che alcuni alimenti possono demineralizzare le ossa.

Non c’è dubbio che gli americani consumano elevate quantità di alimenti contenenti calcio, ma sono anche altrettanto inclini all’osteoporosi, secondo Cordian.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.