Dieta Semisolida: la consistenza degli alimenti

Durante il processo di svezzamento, un individuo con difficoltà di deglutizione deve essere in grado di pianificare una progressione alimentare basata sulla sua capacità di deglutire e masticare, nonché sul tipo di cibo che può consumare.

In generale, la scelta del cibo va fatta in base al tipo e al grado di disfagia di una persona:

Dovrebbe includere l’apporto calorico e l’assunzione di liquidi, nonché le esigenze dietetiche e gli alimenti preferiti del paziente.

È imperativo che un operatore sanitario esperto con esperienza nella gestione della disfagia e della nutrizione faccia raccomandazioni sulla dieta di un paziente con disfagia dopo aver considerato attentamente i fattori elencati di seguito.

La scelta del cibo dovrebbe avere proprietà fisiche appropriate (densità, omogeneità, viscosità) al fine di ridurre il rischio di aspirazione del cibo (cibo che passa nelle vie aeree).

Quando è presente la disfagia, gli alimenti sono incoerenti nella consistenza

Un alimento può essere suddiviso nei seguenti gruppi:

  • I cibi solidi dovrebbero essere preparati nei seguenti modi: pasta ben cotta, uova sode, pesce sodo (senza lische accuratamente rimosse), frutta fresca, verdura, pane e biscotti, che richiedono una preparazione orale e una masticazione prolungate.
  • Nella categoria dei solidi ci sono principalmente puree e frullati, formaggi a pasta dura e molli, pezzi di carne e frutti di mare e purè di patate con uova. C’è un leggero limite superiore al livello di preparazione orale necessaria per questi alimenti, ma non richiede la masticazione.
  • Acqua, tè, caffè, latte, camomilla, ecc. sono tutti liquidi. Sono inclusi anche i liquidi pesanti di scorie (così chiamati perché contengono piccole particelle di maggiore consistenza), come succhi di frutta, yogurt da bere, sciroppi e zuppe. Un liquido ha la tendenza a “fuggire” dalla bocca e disperdersi da solo in tutta la cavità orale, rendendone piuttosto difficile la deglutizione.
  • Questa categoria contiene prodotti come gelati, creme, succhi di frutta, passati di verdura e frullati. Poiché questi alimenti non necessitano di masticazione, è sufficiente una modesta preparazione orale.
  • Considerando che ogni paziente disfagico varia nel comportamento a seconda del tipo di danno subito, semisolidi e semiliquidi sono risultati essere la consistenza più preferita tra i pazienti disfagici.
  • In questo modo si evitano la corretta levigatezza e rischi di soffocamento creati dall’ingestione di grandi quantità di cibo solido, poiché non si mastica e non si mastica cibo solido.

Volume del bolo

I pazienti disfagici possono avere la propria idea di base di ciò che il loro corpo richiede per il controllo in bocca, ma, in generale, la manipolazione di piccole quantità riduce i tempi di passaggio per i boli, tranne quando sono necessarie grandi quantità per iniziare.

Una mancanza di sensibilità in bocca limita il riflesso della deglutizione. Come regola generale, sarà sufficiente seguire le istruzioni fornite da un operatore sanitario esperto nel trattamento della disfagia durante la riabilitazione della deglutizione.

Il suo sapore

Al fine di stimolare ulteriormente la sensibilità orale del paziente disfagico, è utile proporre cibi con sapori distintivi, come il dolce o l’acido, ma il paziente deve essere sempre motivato a consumare il cibo che preferisce.

Una misurazione della temperatura

Si dovrebbe evitare che gli alimenti raggiungano temperature vicine alla temperatura corporea (da 36 a 37 ° C). Pertanto, si consigliano temperature più alte o più basse; quest’ultimo, oltre ad aumentare la forza di deglutizione, fornisce anche risultati più rapidi.

Convenienza

Oltre ad essere un’attraente opera d’arte, deve essere facile per il paziente nutrirsi da solo, tanto più che ormai tanti sono in grado di farlo: ogni parte della presentazione deve essere considerata con attenzione, anche per piccole porzioni.

Per la disfagia, evita questi cibi

È importante personalizzare gli alimenti utilizzati per ogni paziente, in base alle sue caratteristiche.
Coloro che si prendono cura di pazienti con disfagia e nutrizione dovrebbero consigliarli sugli attributi fisici del cibo che possono mangiare secondo gli standard di sicurezza e preferenza.

A causa del loro potenziale di causare polmonite da ingestione, i seguenti alimenti devono essere evitati.
Prendere gomme da masticare o mangiare formaggio cotto sono cibi fibrosi.

Una zuppa di latte con due livelli di consistenza sarebbe come una pasta in brodo, un minestrone con verdure tritate. La consistenza inconsistente, così come le caratteristiche di sgretolamento, sfuggono al regolamento già in vigore.

Torna alla homepage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *