Vai al contenuto

La Dieta per la Salute della Prostata

Sai quali cibi dovresti mangiare per prevenire il cancro alla prostata?

Durante la terapia devo mangiare determinati cibi?

In generale, la definizione degli obiettivi per un modello alimentare sano è simile a quella dell’attività fisica, poiché è un investimento nella salute generale.

Come mantenere la salute della prostata con la dieta

Ci sono cibi che posso mangiare che mi aiuterebbero a ridurre il rischio di cancro alla prostata?

I medici della salute della prostata spesso fanno questa domanda ai pazienti preoccupati per il loro benessere. Sebbene ci siano state alcune prove che alcuni alimenti siano associati a un minor rischio di cancro alla prostata, non ci sono ancora prove che questi alimenti funzionino davvero.

È vero che l’esercizio svolge un ruolo importante nel fitness, ma molte persone non si rendono conto di quanto sia semplice seguire una dieta sana e mantenersi in forma.

Alimenti per sostenere la salute della prostata

È stato dimostrato che aumentare il consumo di grassi sani, cibi antiossidanti e cibi antinfiammatori, insieme a un focus sulla salute della prostata, può aiutarti a rimanere in salute. Una dieta sana è utile per proteggere questa ghiandola, poiché è la stessa dieta indicata per aiutare la salute del cuore. Se dobbiamo nominarlo, la dieta mediterranea sarebbe la scelta migliore.

I componenti dietetici della dieta mediterranea includono un’ampia varietà di frutta e verdura, grassi sani, proteine ​​e cereali integrali.

Quando esaminiamo le specifiche di quali alimenti possono aiutare a sostenere una prostata sana, possiamo dire che i seguenti alimenti dovrebbero essere consumati più regolarmente:

  • Salmone, sardine e trota contengono grassi buoni che riducono l’infiammazione. Gli scienziati stanno iniziando a considerare l’infiammazione della prostata come una condizione potenzialmente mortale, che può rendere la prostata più incline al cancro. Dobbiamo ottenere acidi grassi omega-3 da fonti alimentari, poiché i nostri corpi non possono produrre questi grassi essenziali. Questi grassi buoni aiutano a combattere e prevenire le infiammazioni.
  • L’acido alfa linolenico, che si trova nei semi, nelle noci, nell’olio d’oliva e in altri oli vegetali, può essere usato al posto del pesce se non ti piace. 4.577 uomini con cancro alla prostata localizzato, o cancro che risiede nella ghiandola prostatica, sono stati seguiti per 24 anni dallo studio di follow-up dei professionisti della salute. I ricercatori hanno scoperto che se il grasso animale veniva sostituito con grasso vegetale, i pazienti avevano un rischio di cancro ridotto.
  • La bacca. Il danno ossidativo si riferisce al danno causato dai radicali liberi creati durante il metabolismo e che si accumulano lentamente nel tempo. La scienza si riferisce a questo come “danno cumulativo”. Poiché il danno ossidativo e la malattia derivano dal danno dei radicali liberi, il corpo perde il controllo.

Neutralizzano e rimuovono i radicali liberi dal corpo neutralizzandoli e rimuovendoli dal corpo. Gli antociani, che si trovano in particolare nelle fragole, more, mirtilli e lamponi, sono potenti antiossidanti presenti nei frutti di bosco.

Un’altra grande risorsa sono i pomodori cotti! I pomodori contengono infatti un potente antiossidante sotto forma di licopene.

Per rendere i pomodori più accessibili alla prostata, cuoceteli con olio d’oliva: il calore distrugge il legame tra gli antiossidanti, che li rende più disponibili. I nostri corpi ottengono il massimo beneficio dai pomodori quando vengono consumati sotto forma di salsa di pomodoro, succo di pomodoro e pomodori secchi.

Si pensa che una sostanza chimica contenuta nei broccoli chiamata sulforafano uccida le cellule tumorali lasciando da sole le cellule della prostata sane. Secondo diversi studi, mangiare le verdure crocifere può ridurre il rischio di cancro alla prostata. Non sono solo i broccoli, ma anche cavoli, cavoli cinesi, cavolfiori e cavoletti di Bruxelles ad avere benefici simili.

La versatile foglia di tè verde contiene numerosi composti antiossidanti chiamati catechine, che hanno proprietà anticancerogene e antimutagene; cioè, impediscono alle cellule tumorali di mutare. Gli uomini che hanno consumato cinque tazze di tè verde al giorno hanno sperimentato un minor rischio di cancro alla prostata secondo una revisione di più studi.

Torna a Dimagrirebene.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.