Vai al contenuto

dieta per insulino resistenza

Perdere peso può essere difficile se si soffre di insulino-resistenza. Qual è il modo migliore per ridurre la resistenza all’insulina con il cibo?

Perdere peso è stata probabilmente una delle sfide più grandi della tua vita.

Le restrizioni dietetiche hanno ulteriormente complicato la perdita di grasso. In passato, molti di voi potrebbero aver provato diete ipocaloriche, ma hanno scoperto che erano inefficaci. La dieta non ha determinato la tua perdita di peso dopo averla seguita per un po’ di tempo.

Con l’argomento che presentiamo qui affrontiamo un problema che ha effetti sia estetici che patologici: l’insulino-resistenza (il meccanismo alla base del diabete di tipo 2).

Che importa se si rimane nel campo del dimagrimento? È impossibile perdere peso se il sangue contiene molta insulina.

Il pancreas rilascia insulina (che è un ormone) dopo aver mangiato (soprattutto carboidrati). Le cellule possono immagazzinare glucosio sotto forma di carboidrati che vengono messi a loro disposizione.

A causa della ridotta funzione dell’insulina, accade spesso che i livelli di glucosio nel sangue (quindi di zucchero nel sangue) aumentino.

In risposta all’aumento dei livelli di zucchero nel sangue, il pancreas inizierà a rilasciare una maggiore quantità di insulina.

Leggi semplicemente come viene causata la resistenza all’insulina qui se il meccanismo non ha senso per te.

L’insulino-resistenza è causata da cosa?
Quando è presente grasso addominale (il classico “pancetta”), l’insulina fa fatica a funzionare bene. In combinazione con una dieta malsana, questi fattori non fanno che peggiorare la situazione, il che ha un impatto negativo sulla salute e sul peso.

L’insulino-resistenza non è causata da un particolare alimento, ma dal consumo di cibi sbagliati. Avere troppi carboidrati, zuccheri (in particolare fruttosio) e tante calorie, insieme ad un eccesso di grassi di scarsa qualità (soprattutto grassi saturi), può essere dannoso.

Non è mia intenzione creare confusione consigliando cibi specifici da evitare. Come regola generale, tuttavia, gli alimenti trasformati e confezionati (quelli che hanno molti ingredienti tranne in rari casi) non assorbono bene l’insulina, rendendoli meno benefici.

Aumentando la nostra sensibilità all’insulina, saremo anche in grado di perdere peso risolvendo contemporaneamente il problema dell’insulina.

La sensibilità all’insulina è migliorata in quali modi?
Riqualificare il corpo per utilizzare correttamente il glucosio nel sangue eliminerà la resistenza all’insulina e di conseguenza aiuterà le persone a perdere peso. È anche fondamentale svolgere attività fisica secondo determinati criteri per i migliori risultati. Sono disponibili alcune raccomandazioni nutrizionali per migliorare la sensibilità all’insulina.

Se abbiamo un lieve deficit calorico, diventiamo più sensibili al glucosio. Se vuoi riuscire a mangiare di meno rimanendo in salute, devi sapere cosa stai mangiando, per non incorrere in problemi di carenza nutrizionale.

Il contenuto di carboidrati dovrebbe essere ridotto così come gli alimenti ad alto indice glicemico (pasta, riso, pane, ecc.) poiché provocano il rilascio di insulina, che peggiora la condizione. Poiché i carboidrati non sono la fonte di energia primaria del corpo, è “costretto” a fare un uso migliore dei grassi.

Scegliere carboidrati e legumi di alta qualità, come cereali integrali e legumi, sempre insieme a una fonte proteica, non significa limitare completamente i carboidrati (che a lungo andare aggraverebbe il problema). Uova e pesce, che sono a basso contenuto di grassi, possono ridurre i picchi di insulina. In seguito a questo effetto, offriremo eventualmente prestazioni assicurate.

Oltre a regolare i livelli di zucchero nel sangue e l’insulina post-prandiale, l’olio extra vergine di oliva è una parte essenziale di ogni dieta, nelle giuste quantità, ovviamente. Facilita il rallentamento dello svuotamento gastrico oltre ad incidere sui livelli di zucchero nel sangue e sull’insulina post-prandiale.

Il consumo di grandi porzioni di verdura ridurrà ulteriormente la resistenza all’insulina poiché la fibra riduce ulteriormente l’assorbimento del glucosio.

Per evitare che il fruttosio possa peggiorarlo se consumato in eccesso, è fondamentale mangiare le giuste quantità di frutta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.