Vai al contenuto

dieta per anziani

L’Italia ha un numero crescente di persone anziane: la solitudine, le malattie croniche e il basso reddito rendono ancora più problematica la cattiva alimentazione, che porta all’eccesso di cibo e alla malnutrizione tra gli anziani.

Imparerai cosa, quando e come mangiano gli anziani e come cambia l’alimentazione con l’età. Lo stato di nutrizione negli anziani dopo i 65 anni: uno sguardo a cosa è cambiato Con l’avanzare dell’età, il nostro corpo inizia a mostrare i segni dell’invecchiamento e una serie di fattori contribuiscono alla trasformazione delle nostre abitudini alimentari e, di conseguenza, dello stato nutrizionale negli anziani.

Quando si perde acqua corporea, la tendenza alla disidratazione aumenta, poiché la risposta alla sete è meno efficace; quando il tessuto muscolare non viene utilizzato, il metabolismo proteico muscolare viene alterato; e quando il grasso si accumula, solitamente nel tronco, aumenta la possibilità di disidratarsi. Fisiologicamente, la sarcopenia si traduce in una riduzione della massa muscolare.

Oltre a causare più cadute, è anche legato a una minore densità ossea, minore sensibilità all’insulina e minore metabolismo basale. Una persona anziana ha maggiori probabilità di essere sovrappeso e soprattutto obesa se non è abbastanza attiva e mangia troppo.

Un certo numero di malattie croniche e la perdita del gusto possono causare una riduzione dell’appetito negli anziani; luce solare insufficiente e malattie renali possono influire negativamente sulla salute dell’apparato digerente e causare carenze di vitamina B12; e la perdita dei denti, i disturbi gastrointestinali e le malattie renali possono contribuire alla carenza di vitamina D.

Inoltre, i farmaci e l’alcolismo cronico influenzano l’assorbimento dei nutrienti, causando malnutrizione.

Cosa e quanto mangiare per gli anziani Nonostante il fatto che spesso seguono una dieta sana, gli anziani possono sviluppare la malnutrizione, per una serie di motivi, come abbiamo già visto. Manca l’educazione alimentare, così come la depressione, il basso reddito, le disabilità, le malattie croniche e le malattie croniche.

In uno stato di buona salute, la dieta degli anziani non è dissimile da quella dei giovani; infatti la sua qualità è pressoché invariata, anche se la quantità calorica dovrebbe essere ridotta.

Poiché la perdita di massa magra provoca una diminuzione di circa il 10% del metabolismo basale con l’aumentare dell’età, l’apporto calorico giornaliero dovrebbe diminuire con l’aumentare dell’età senza una particolare attività fisica. Di conseguenza, possiamo vedere che in un uomo di 75 kg a 50 e 75 anni, il fabbisogno energetico scende da circa 1700 kcal a circa 1500 kcal, tenendo conto del loro metabolismo basale e del loro livello di attività.

Si raccomanda agli anziani di consumare il 45-60% di carboidrati, il 15-25% di proteine ​​e il 30% di grassi, poiché il fabbisogno di macronutrienti è lo stesso di un adulto.

Tuttavia, scegli cibi di alta qualità, come frutta, verdura e prodotti integrali, e limita il più possibile l’assunzione di zucchero per assicurarti di consumare molte fibre; Come ulteriore vantaggio, le proteine ​​ottenute da fonti come uova e pesce contengono acidi grassi essenziali e possono persino aiutare a ridurre i livelli di zucchero nel sangue se consumate con i cereali.

Si consiglia una dieta povera di grassi saturi. È meglio scegliere frutta secca e olio d’oliva su questi.
Per consumare abbastanza vitamine e minerali, è essenziale che gli anziani mangino più frutta e verdura possibile; inoltre, la frutta fresca fornisce molta acqua, prevenendo così la disidratazione.

Una buona colazione comprende yogurt e frutta, oltre a piccoli spuntini al mattino e al pomeriggio. Mangiano anche gli stessi pasti degli adulti, quindi seguono una dieta equilibrata che includa proteine ​​e carboidrati.

È consigliabile preparare i pasti in base alle proprie capacità digestive e sgranocchiate se non si può bere acqua o tè durante la giornata: ad esempio, se non si riesce a masticare o digerire bene, scegliere passati di verdura e zuppe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.