Vai al contenuto

Dieta non Dieta: Riattivare il metabolismo

La perdita di peso non richiede molti sacrifici e le diete drastiche sono infatti dannose.

La dieta non dietetica di Debora Rasio si basa proprio su questo principio.

Il suo lavoro su temi legati alla salute è apparso in Rai, ed è autore di un libro dal titolo “La dieta non dieta”. Creare un peso equilibrato e riattivare il metabolismo è infatti ciò che descrive nel suo libro. Andiamo ad esplorare insieme!

Debora Rasio su come mangiare sano senza dieta

Seguire una dieta sana è uno dei modi più semplici per perdere peso, secondo il dottor Rasio. Le diete che causano una rapida perdita di peso non solo sono inutili, ma possono anche causare danni.

Per la sua natura non restrittiva, le diete non dietetiche vengono spesso abbandonate prematuramente. Nella nostra cucina tradizionale, che si basa su cibi freschi, dobbiamo evitare di mangiare cibi prodotti industrialmente e legati chimicamente. Zucchero, sale e grassi nocivi devono essere ridotti insieme alla disponibilità di zucchero e sale.

Secondo l’autrice e blogger Deborah Rasio sulla rivista Starbene, i seguenti sono i motivi per cui le semplici diete dimagranti non funzionano:

È il modo in cui il nostro corpo si protegge dallo stress emotivo. La dieta provoca ulteriore stress che fa sì che questo meccanismo persista. Non c’è abbastanza descrizione delle diete ipocaloriche in questi paragrafi: “l’organismo risponde consumando meno calorie quando percepisce un esaurimento delle calorie”.

Esistono diete non dietetiche

Una dieta non dietetica non limita le calorie ma prevede un programma nutrizionale composto da quattro fasi, che dura un mese.

Durante la prima fase della chetosi, una dieta ricca di proteine ​​e povera di carboidrati provoca la chetosi. Questa condizione metabolica può causare una serie di benefici, come ridurre l’infiammazione, regolare l’insulina, proteggere le cellule nervose, abbassare la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo e accelerare la perdita di grasso e il metabolismo.

Come parte della seconda fase dell’università, quinoa, grano saraceno, riso rosso e riso venere nero sostituiranno alcuni cereali contenenti glutine.

Una dieta ricca di proteine ​​può ridurre i livelli ormonali e causare stress ossidativo, che può portare a problemi ormonali. Fagioli e grano integrale sono fonti comuni di glutine.

Durante la quarta fase della dieta, dovresti mangiare tutto. Puoi prevenire l’aumento di peso se segui un regime di perdita di peso come questo anche se perdi peso gradualmente.

Il programma può essere ripreso completamente alcuni mesi dopo l’inizio della fase uno qualora fosse ancora necessario perdere notevoli quantità di peso.

Torna alla homepage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.