Vai al contenuto

Dieta Intestino Infiammato: amici e nemici del colon irritabile

Il modo migliore per gestire i sintomi della colite a tavola? La Dott.ssa Simona Ferrero, Nutrizionista di Auxologico, si unisce a noi per parlarne.

Come si può capire il colon irritabile?

Durante un attacco di sindrome dell’intestino irritabile, la porzione finale dell’intestino crasso viene danneggiata, influenzando il processo di assorbimento e riassorbimento di liquidi e minerali.

Non c’è nessun cambiamento patologico nel colon quando si ha un colon irritabile, quindi i suoi sintomi sono piuttosto generici. Costipazione, diarrea o costipazione con gonfiore accompagnano tipicamente questa malattia, che assume la forma di dolore addominale, gonfiore, gonfiore e tensione addominali e cambiamenti nella cavità (anche sintomi misti).

A differenza della colite spastica, della colite ulcerosa, del morbo di Crohn, ecc., che si manifestano in un unico stato infiammatorio, la sindrome dell’intestino irritabile non è una malattia ma una condizione piuttosto spiacevole.

Poiché è quasi sempre esclusa, la sua diagnosi non può essere paragonata a malattie organiche dalle quali deve essere distinta.

Quali cibi dovresti evitare se hai il colon irritabile?

Molto spesso, i pazienti con sindrome dell’intestino irritabile ci chiedono quali cibi evitare.

Tre ragioni rendono difficile rispondere:

  • I pazienti di solito riconoscono che alcuni tipi di alimenti scatenano alcuni sintomi della sindrome dell’intestino irritabile, ma il ruolo della dieta in questa condizione è ancora poco compreso;
  • È tipico per una persona che soffre di colite avere sintomi multipli (stitichezza, diarrea, alvo alternato, meteorismo, crampi e dolore intestinale) e questi sintomi possono cambiare nel tempo, o possono avere manifestazioni simili ma non nella stessa clinica. modulo;
  • Gli alimenti che possono aggravare i sintomi differiscono da un paziente all’altro, anche se gli effetti della dieta sono innegabili.

CONSIDERA LA TUA DIETA


Tuttavia, mangiare pasti velocemente è spesso associato alla sindrome dell’intestino irritabile invece di mangiare molti pasti o mangiare regolarmente.

È importante mangiare una varietà di cibi regolarmente per la tua salute!

QUANDO SI TRATTA DI CIBO, COSA È A RISCHIO?

Tuttavia, è possibile identificare i pericoli associati a determinati alimenti. I seguenti suggerimenti sono importanti per chi soffre di intestino irritabile:

  • Prodotti a base di latte, come il gelato;
  • Succedanei dello zucchero (sorbitolo, fruttosio);
  • Margarina;
  • PERA, PRUGNA, UVA: frutta (pesche, pere, prugne);
  • Verdure varie (cavolo, carciofi, cipolle, rucola, cetriolo);
  • Piantagione; legumi; e patate
  • Alimenti concentrati con spezie, noci e noci;
  • Bevande come caffè e tè;
  • Bevande gassate, come la Coca Cola;
  • Cibo in lattina;
  • la carne è stata conservata.

I modi migliori per curare un colon irritabile

È possibile affrontare questo disturbo adottando alcuni accorgimenti, alcuni dei quali molto semplici.

Utilizzando il seguente elenco di possibili rimedi, potresti essere in grado di alleviare la sindrome dell’intestino irritabile:

  • Registra ciò che mangi
  • Prenditi il ​​tuo tempo per mangiare;
  • Mangiare piccoli pasti frequenti;
  • Le diete di esclusione/reintegrazione degli alimenti sospetti possono essere utili per identificare gli alimenti che possono causare reazioni;
  • In base al profilo dei sintomi, aumentare o diminuire l’assunzione di fibre;
  • Si riduce il consumo di lattosio, monosaccaridi, disaccaridi e polioli;
  • Elimina i cibi grassi dalla tua dieta;
  • Consumare meno cibo che contiene elementi che producono gas.
  • Confrontando l’assorbimento dei nutrienti nei pazienti con intestino irritabile con quello della popolazione generale, non ci sono state differenze notevoli.

Che tipo di dieta può aiutare con la stitichezza associata alla sindrome dell’intestino irritabile?

L’IBS tende a colpire più spesso le donne; quindi, si verifica la stitichezza, insieme al dolore intestinale, un senso di sollievo dopo che il colon si è liberato e, occasionalmente, una sensazione di espansione della circonferenza addominale (gonfiore da tensione addominale), insieme alla sensazione di essere troppo pieno; costantemente, chi soffre di stitichezza soffre anche di vomito di capra, svuotamento incompleto, emorroidi e/o ragadi.

Torna alla homepage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.