Vai al contenuto

dieta circadiana

Quante volte abbiamo provato a mangiare meglio ma ci siamo arresi senza successo? Abbiamo la possibilità di ridurre le nostre porzioni se ci proviamo? Non hai nulla da temere! La dieta circadiana può risolvere questo problema: ecco un esempio di menù settimanale e una descrizione di cosa si tratta.

Conosci la dieta circadiana?
I cambiamenti nella dieta che ruotano attorno agli ormoni del nostro corpo durante il giorno sono un esempio di dieta circadiana. In altre parole, il discorso antinfiammatorio non è in gran parte determinato da ciò che si consuma (sebbene anche questo sia importante), ma da quando lo si consuma.

Oltre a rispettare il nostro corpo, una dieta a basso contenuto infiammatorio rispetta anche i nostri ritmi fisiologici.

Durante il giorno, il nostro corpo non distribuisce uniformemente il consumo di cibo a causa del suo metabolismo. Alcuni dolci si consumano al meglio nel pomeriggio o alla sera, mentre altri vanno consumati tra la mattina e il tardo pomeriggio. Il momento migliore per mangiare cibi ricchi di carboidrati è durante il pranzo piuttosto che a cena.

Una dieta settimanale basata sul ciclo circadiano
Di seguito è riportato un esempio di menu settimanale. Questo schema semplificato è generale e può essere utilizzato da chiunque. Avere un nutrizionista specializzato nella formulazione di un piano alimentare personalizzato più dettagliato e specifico è vantaggioso. È previsto un periodo di attesa di 15 giorni prima che venga servito il pasto gratuito.

Lunedi
Tè con biscotti e miele a colazione;
Insalata e riso a pranzo;
Carne alla griglia con verdure di stagione per cena.

martedì
Caffè, tè e pane a colazione;
La pasta integrale servita con verdure di stagione è il menù del pranzo;
Pesce e verdure al forno per cena.

mercoledì
Con latte e muesli a colazione;
Insalata e polenta a pranzo;
Per cena, frittata e verdure.

giovedi
Fare colazione con tè con biscotti e marmellata;
Un piatto di pasta con i ceci a pranzo;
Bresaola e rucola sono nel menu della cena.

Venerdì
La colazione consisteva in biscotti e tè;
Riso e verdure a pranzo;
Pesce e verdure al forno per cena.

Sabato
Tè e miele a colazione; pane con tisana;
Verdure, pane integrale e legumi a pranzo;
Verdure e polpette per cena.

Domenica
Avere latte di riso con muesli a colazione.
Il menù del pranzo è composto da pasta e patate, verdure;
Una cena a base di formaggio e verdure.

Qual è il processo?
L’equilibrio giornaliero dei tipi di cibo e delle dosi è necessario proprio per questi motivi. Qual è il processo? In altre parole, abbinare i cibi giusti per evitare lo stress alimentare. Questi cambiamenti sono evidentemente causati dai cambiamenti ormonali del nostro corpo.

Una varietà di ormoni è attiva in momenti diversi, alcuni dei quali favoriscono l’accumulo di grasso mentre altri favoriscono una rapida perdita di peso. Il cibo giusto deve essere sempre associato al momento giusto. Di conseguenza, a seconda dell’ora del giorno e del tipo di ormoni responsabili del nostro corpo, sarà necessario assumere cibi specifici. Oltre agli ormoni, ci sono i seguenti:

GH
cortisolo
insulina

L’ormone della crescita, noto anche come ormone della crescita, funge da ormone della crescita aumentando la massa muscolare e quindi aumentando l’apporto energetico. Dalle 8 alle 20, è per lo più inattivo mentre al picco lavora circa 24 ore al giorno. D’altra parte, è noto che l’insulina abbassa i livelli di zucchero nel sangue favorendo l’accumulo di grasso.

Invece di seguire un ordine del giorno, è meglio lavorare con i carboidrati. L’intervallo di tempo tra il picco di attività del cortisolo e il suo declino è intorno alle 22:00, perché agisce contro l’insulina nel corpo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.